RADIO Rai 2 - Intervista

I conduttori della trasmissione Caterpillar formulano alcune domande sullo yoga a Marco Sebastiani
@ Caterpillar AM

21 giugno 2020 Giornata dello Yoga

Intervista post lockdown a IODonna inserto del Corriere della Sera

Yoga Magazine Italia

Mai praticato yoga?

Inizia con MARCO: attraverso una pratica Yoga intensa e coinvolgente crea un'esperienza unica, seguendo gli insegnamenti tradizionali alla luce della moderna fisiologia. Inizia a praticare, tutto il resto seguirà.

Lezione gratuita di prova plankpose

Per chi inizia

Lezione gratuita

La prima lezione con Marco è gratuita, senza nessun impegno. E' necessario un contatto per la prenotazione.

Corsi collettivi o Individuali

E' possibile frequentare le lezioni di gruppo oppure prenotare corsi individuali presso la propria abitazione o in sala yoga.

Personalizzazione

E' possibile per chi lo desidera pianificare una pratica personalizzata sul medio e lungo periodo, secondo le proprie esigenze.

sideanglepose

Yogin avanzati

Durante le lezioni, Marco fornisce sempre varie alternative di crescente difficoltà alle posizioni incontrate. Ogni mese viene trattato un tema specifico e generalmente il picco di ogni lezione culmina con una "asana target". Con i praticanti avanzati è particolarmente importante un primo incontro per confrontare la propria pratica, la storia individuale e gli obiettivi nel medio e lungo periodo. Da questa analisi, si arriva ad una pianificazione della pratica che può prevedere, anche delle sequenze personalizzate o delle asana target su cui lavorare sia in autonomia che durante i corsi, da aggiornare progressivamente nel tempo. La prima lezione è gratuita e senza nessun impegno! è sufficiente un contatto per mail o telefonico

Lezione gratuita di prova

Sviluppo psico-fisico

Equilibrio

è lo stato di armonia, calma e stabilità nel quale abbiamo il pieno controllo di tutte le forze in gioco.

Flessibilità

è la facilità ad adattarsi alle differenti situazioni e posizioni, l'attitudine a trovare sempre il punto di benessere.

Forza

è la qualità che permette di dominare le circostanze, vincendo le energie contrarie e affermando il proprio volere.

Ultimi Articoli

  • Redazione, M.Sebastiani
  • 21 July , 2020
  • Articoli

L'attualità del Rig Veda, un caso eclatante

di Kenan Digrazia  L’inno 164 contenuto nel primo libro del Ṛg Veda Saṃhitā è stato redatto circa tremila anni fa. Ciò che stupisce profondamente, anche valutando i dubbi che necessariamente sorgono dalla traduzione di un testo così antico, è il fatto che in esso sono contenuti dei temi paragonabili con il pensiero filosofico occidentale, con Kant ad esempio. Un altro aspetto sorprendente è la comprensione e l’esposizione dei fenomeni celesti e astronomici. Infine, in esso si parla della Trinità, della Parola come principio mediatore e di tutta una serie di intuizioni teolo...

Leggi Tutto...

  • Redazione, M.Sebastiani
  • 15 July , 2020
  • Articoli

La ragione della guerra nella Bhagavadgita

di Marco Sebastiani   Le riflessioni filosofiche della Bhagavadgita sono incredibilmente attuali. Qualcuno potrebbe dire perché trattano i temi eterni intorno ai quali si interroga l'uomo, ma, più probabilmente, lo sono, per chi nasce in una cultura europea, perchè trova un sostrato paragonabile a quello dei poemi omerici e della filosofia greca. Questo sostrato non è ascrivibile all'identità umana, sarebbe una semplificazione che ci porrebbe fuori dal dominio della storia, assecondando quelle scuole, ormai datate, che hanno ricercato il ripetersi di temi analoghi nei miti e nel...

Leggi Tutto...

  • Redazione, M.Sebastiani
  • 03 July , 2020
  • Articoli

Sanscrito: lez.7, 1a declinazione in -a

di Marco SebastianiNella presente lezione inizieremo dal concetto stesso di declinazione. In Italiano infatti il rapporto tra le parole, in una frase, viene espresso mediante preposizioni o locuzioni: da, con, per mezzo di, attraverso, etc. Diciamo ad esempio "Noi rendiamo omaggio a Shiva". In sanscrito invece, queste relazioni tra le parole della frase, non sono rese con preposizioni, ma semplicemente aggiungendo otto diverse desinenze alla fine delle parole, noti come "casi" della parola. Diciamo quindi "namaḥ śivāya" dove il secondo termine significa appunto "a Shiva".Lo stesso avviene ...

Leggi Tutto...